Torneo Barcellona

Barcellona 30 Maggio 2017

Il sole e’ alto nel cielo ma la temperatura non e’ certo quella che ci si aspettava in Spagna a fine aprile.
Oggi si gioca con i colori dei CSSC di Londra il torneo organizzato dal Touch Barcelona.
16 squadre provenienti da Inghilterra, Francia, Italia, Svizzera, Svezia e (ovviamente) Spagna sono pronte oggi a darsi battaglia sui 4 campi allestiti nella zona universitaria della città.
La squadra è costituita da Giulia, Valentina e Rici (tutti BTZ) insieme all’inossidabile Fede (Agostini -Verona Touch-) a costituire la little italy della formazione. Il resto è una torre di babele composta da altri 6 giocatori provenienti da 6 nazioni diverse.
Jean Francois e’ francese ma vive in Canada ed ha giocato in Inghilterra e Spagna.
Jimmy invece e’ neozelandese e gioca con la squadra tutta kiwi dei tumeke di Londra.
C’e’ poi Dominic che arriva a Barcellona direttamente da Guernsey, piccola isola tra Inghilterra e Francia.
Il giovane Chris e’ invece inglese e gioca per i Bristol Fijians
Unico local della squadra e’ Ismael che gioca coi Barcelona Touch.
Chiude questo giro del mondo Barbara, argentina in forza ai Touch Berlin.
Ma torniamo al torneo.
Dopo una prima fase di presentazione (abbiamo conosciuto alcuni giocatori direttamente la mattina del torneo) e definite le linee guida per il gioco, ci apprestiamo ad affrontare il girone.
La prima partita contro gli Oval Star si rivela piuttosto facile anche senza che la nostra formazione esprimesse un gioco molto fluido. Il livello sale con la seconda partita dove iniziamo ad ingranare introducendo un po’ di tecnica e di gioco vero. Vinte le prime due partite ci apprestiamo allo spareggio con gli amici del Touch Azur. I francesi sono solidi e organizzati come sempre e ci portano via il primo posto del girone dopo 20 minuti di battaglia e solo +1 sul tabellino finale.
Esclusi dalla parte alta della classifica affrontiamo i Manchester Chargers. La squadra è sicuramente molto veloce e fisica. Concludiamo la prima frazione di gara con un incoraggiante +2 ma nel secondo tempo gli inglesi si organizzano e rimontano passando il turno (risultato finale 6-5).
Non ci resta che giocare la finale per il settimo e ottavo posto con la squadra di casa, il Barcellona. Partita molto combattuta ma che ci vede (finalmente e meritatamente) vincitori.
Settimo posto di tutto rispetto e tanto tanto divertimento.
La giornata si conclude non lontano dai campi con una super festa e la classica court session durante l’ora free drink (gli organizzatori hanno ben pensato di aprire la festa con un’ora di birre libere…vi lascio immaginare il risultato finale).
Nota di merito per gli amici Dragoni (giunti a Barcellona in numero strabiliante) che oltre ad aver disputato un torneo di livello si sono distinti anche durante il terzo tempo per il look punkeggiante.
Ovviamente non abbiao potuto esimerci dal visitare la citta’ degustando a piu riprese le prelibatezze locali
e visitando le attrazioni principali (con una media di 30.000 passi al giorno…grazie Fede…)
Torniamo da Barcellona con tanti nuovi amici e una buona base per la prossima maratona di New York.